L’incerto lavoro del valutatore. Specialmente dei Dirigenti Scolastici

Ho più volte ed in diverse sedi espresso il parere che il “fattore limitante” dello sviluppo del Sistema Nazionale di Valutazione sia quello della disponibilità, quantitativamente e qualitativamente adeguata, di valutatori.[1] La presenza di tale fattore condiziona la crescita del sistema e il suo sviluppo nella conformazione appropriata, senza deformazioni o “mutazioni” indesiderate.

Leggi tutto: L’incerto lavoro del valutatore. Specialmente dei Dirigenti Scolastici

La scuola italiana tra innovazione e restaurazione

Francesco Scoppetta è un dirigente scolastico andato in pensione da non molto. Di recente ha pubblicato un libro molto bello sulla scuola (La fabbrica dei voti finti, Armando, Roma 2017) e me lo ha inviato per posta con una dedica molto significativa: “A Stefano Stefanel che può capire bene “cosa” ho scritto e soprattutto “perché” dopo una intera vita lavorativa. Con tanta stima. Francesco Scoppetta

Leggi tutto: La scuola italiana tra innovazione e restaurazione

La banalizzazione della lingua e la qualità del conoscere

Leggo che 600 professori di Università hanno scritto una lettera in cui lamentano la
scarsa conoscenza della lingua italiana che i loro studenti dimostrerebbero nella scrittura
delle tesi di laurea: errori “da terza elementare” di ortografia e sintassi; estrema povertà
lessicale; carenze nel pensiero e nella logica del discorso.

Leggi tutto: La banalizzazione della lingua e la qualità del conoscere

La costruzione del Sistema Nazionale di Valutazione e il “pilota automatico”

Gli anni che ci separano dalla decisione di dare vita ad un Sistema Nazionale di Valutazione (DPR 80/2013) sono stati contrassegnati da un processo operativo complesso, intersecato da tensioni politiche e contraddizioni culturali (si pensi alla faticosa integrazione con la Legge 107/2015), che ha comunque prodotto un risultato iniziale importante: è stata costruita una prima componente del SNV, che riguarda la “valutazione delle organizzazioni scolastiche”. Mi riferisco ovviamente al sistema RAV/Piani di Miglioramento/ Nuclei Esterni di Valutazione. Si tratta, quali che siano i rilievi critici che si possono (e si devono…) sviluppare, di un inedito per il nostro sistema di istruzione.

Leggi tutto: La costruzione del Sistema Nazionale di Valutazione e il “pilota automatico” 

Come sassi nell'acqua. La delega l.107 sulla valutazione.

E’ stata varata il 14 u.s. fra le altre l’attesa delega alla legge 107 sulla valutazione . Lo sconcerto è grande. Rispetto alla bozza pubblicata a settembre è scomparso praticamente l’impianto che prevedeva il ripristino possibile delle condizioni per una valutazione formativa su cui da due anni 21 associazioni professionali si sono generosamente spese a partire dalla campagna ’VOTI A PERDERE’ lanciata dal Movimento di cooperazione educativa nel 2015.

Leggi tutto: Come sassi nell'acqua. La delega l.107 sulla valutazione.