La foto di Enzo sui giornali

Prima ancora di vedere la foto sui giornali avevo capito già che il giovane accoltellato a morte a San Giorgio a Cremano era Enzo, mio alunno a metà degli anni ‘90. Così come alunno della mia scuola è stato anche il suo presunto assassino, nel dopoterremoto.

Leggi tutto: La foto di Enzo sui giornali

Miss Italia 2015 conferma la teoria del “meno cinque” di Tullio De Mauro

Durante la manifestazione di bellezza di Miss Italia 2015 la neo reginetta nazionale interrogata da uno dei giurati, Claudio Amendola, riguardo al periodo storico che le sarebbe piaciuto vivere, ha risposto con sicurezza: "1942, per vedere realmente la Seconda Guerra Mondiale; sui libri ci sono pagine e pagine, io vorrei viverla per davvero".

Leggi tutto: Miss Italia 2015 conferma la teoria del “meno cinque” di Tullio De Mauro  

Perché la “Buona scuola” non dimentichi l’istruzione degli adulti

Sembra che a fine mese usciranno i primi provvedimenti – tra cui probabilmente un decreto legge- applicativi del documento sulla “Buona scuola”.  I nodi che stanno arrivando al pettine sono tanti e si sa che nella scuola più che altrove i l divaolo si nasconde nelle pieghe del dettato dei degli atti leigslativi. Ma c’è un aspetto di cui si è parlato poco e che rappresenta invece uno dei nodi del nostro sistema formativo: l’istruzione degli adulti.

Leggi tutto: Perché la  “Buona scuola” non dimentichi l’istruzione degli adulti

Questionario Scuola: si parte. Ma per dove?

Scrivo queste note stando dalla parte dei tanti docenti e Dirigenti Scolastici che sono mobilitati in queste settimane e nei prossimi mesi, a dare corpo iniziale al Sistema Nazionale di Valutazione, mettendo a punto la prima parte Autovalutativa che è premessa e connessa alle altre due sostanziali: l’impegno verso il Miglioramento e quello alla Rendicontazione sociale.

Leggi tutto: Questionario Scuola: si parte. Ma per dove?

Gli studenti nella “buona scuola”. Proviamo a chiarirci

Il documento sulla Buona scuola non dedica molto spazio agli studenti in quanto tali. Ovviamente sono i principali soggetti per i quali l’intera operazione governativa di rinnovamento viene messa in campo. Ma l’ottica con la quale il  documento è costruito è , complessivamente, docente-centrica. E questo perchè hanno giustamente ravvisato – gli estensori - che un processo di riforma della scuola ha negli insegnanti il motore da revisionare e riattivare.

Leggi tutto: Gli studenti nella “buona scuola”. Proviamo a chiarirci