A proposito di EaG 2015: un ottimismo giustificato? Luigi vs Walter

Luigi Berlinguer conduce su educationduepuntozero un’attenta disanima dei dati della ricerca “Education at a Glance” 2015 e afferma che l’analisi longitudinale dei dati rivela un trend positivo sull’istruzione in Italia. Leggiamo tra l’altro: “È vero che, in un’analisi comparativa con i Paesi più avanzati, la nostra nazione non sempre regga il confronto e risulti indietro, talvolta con gravi insufficienze sulle quali è doveroso riflettere per operare.

Leggi tutto: A proposito di EaG 2015: un ottimismo giustificato? Luigi vs Walter

Davide Faraone, professione piazzista

L’on. Davide Faraone di ritorno dalla Finlandia, la cui scuola è “ritenuta a ragione eccellenza europea”, ha messo in rete le sue annotazioni titolandole: “Dentro la fabbrica dell’apprendimento”. Un articolo il cui contenuto evoca i discorsi degli imbonitori: dipingono la loro mercanzia esaltandone qualità inesistenti, d’effetto. Il loro credo è: vendere.

Leggi tutto: Davide Faraone, professione piazzista

Non solo per 500 euro

Come agli albori del Movimento Operaio: qualche soldo dei miseri salari veniva dedicato a costruire le prime associazioni mutualistiche. La povertà alimentava il valore prezioso della autonomia. Da lì nacquero i sindacati, i partiti politici di massa; l’intera storia di un secolo ne porta il segno.

Leggi tutto: Non solo per 500 euro 

Dentro “la fabbrica dell’apprendimento”

Reduce da una full immersion in terra finlandese alla scoperta di un sistema di istruzione ritenuto eccellenza europea. Ritenuto a ragione eccellenza europea. Ho avuto modo di visitare istituti comprensivi e licei della città di Helsinki, ho avuto la possibilità di incontrare istituzioni e addetti ai lavori del mondo della scuola, all’Agenzia nazionale dell’Educazione, al Ministero della Cultura o in Parlamento.

Leggi tutto:  Dentro “la fabbrica dell’apprendimento”

"Lo ius culturae contro il terrorismo"

C’è uno Stato, che Stato non è – almeno non geograficamente, non sapremmo tracciarne i confini su una carta muta – che combatte una guerra senza regole e senza schieramento di eserciti contro una comunità, che comunità sembra non essere – anche se almeno geograficamente è, potremmo tracciarne i confini su una carta muta.

Leggi tutto: "Lo ius culturae contro il terrorismo"