Crolli nelle scuole: bollettino n. 17

  1. La scuola media Frassoni di Finale Emilia (provincia di Modena ), ricostruita dopo il terremoto e ormai pronta per ospitare gli studenti al suono della campanella di settembre, sarebbe stata costruita con cemento depotenziato, cioè una miscela poco costosa e non conforme ai criteri di resistenza anti-sismica.   A tal riguardo per meglio comprendere la dizione “cemento depotenziato”  o meglio  “ calcestruzzo depotenziato “ si propone l’ascolto di un video della rubrica “ Pillole di sicurezza “ pubblicato su La Tecnica della Scuola: (  https://www.facebook.com/La-Tecnica-della-Scuola-187465577947087/?fref=ts )
  2. A San Giuliano Milanese,  in provincia di Milano,  crollano i calcinacci dal controsoffitto di una  scuola, un intero liceo trasferito a San Donato per motivi di sicurezza. Una situazione di emergenza causata dal crollo di una parte del soffitto lungo il corridoio che dà accesso alla palestra, attività sospese anche per le associazioni sportive del territorio. A causare il distacco dell’intonaco pare siano state le vibrazioni provocate da un cantiere edile. È successo lunedì 30 maggio 2016 durante le lezioni, fortunatamentenon ci sono stati feriti: i disagi però sono ai massimi livelli. Dalla scuola dichiarano: "Per motivi di sicurezza la sede di San Giuliano resterà chiusa fino a mercoledì 8 giugno, le lezioni si terranno nella sede di San Donato. Il triennio frequenterà regolarmente le lezioni durante la mattinata di sabato 4 giugno, mentre lunedì 6 giugno le lezioni saranno sospese per tutte le classi".

 

Aldo Domenico Ficara