Il flop delle assunzioni nella scuola

di Pippo Frisone

Il flop annunciato sulle assunzioni si è materializzato anche quest’anno. Dei 112.473 posti autorizzati sulle assunzioni, non si arriva a coprirne, allo stato attuale, che appena 40mila tra posti comuni e posti di sostegno. In Lombardia, dei 25.818 posti assegnati, le assunzioni sin qui fatte sono state 8.728, pari al 33,80% . Restano da coprire ancora 17.090 cattedre. A rimanere scoperti sono soprattutto le cattedre di sostegno in tutti i gradi di scuola e quelle della secondaria di 1 e 2 grado. Ma è Milano la provincia a soffrire di più, con appena 2.500 assunzioni sin qui accettate. Ma al di là degli accantonamenti dovuti, su posti comuni e sostegno, per i concorsi ordinari del 2020, pari a 94 posti all’Infanzia e 671 nella Primaria, i restanti posti in questi due settori sono stati tutti coperti dalle procedure concorsuali vigenti ed in particolare dalle graduatorie regionali del concorso straordinario del 2018. In questi due ordini di scuola le GPS serviranno soprattutto a coprire le supplenze su posti comuni al 30 giugno e al 31 agosto  mentre sul sostegno quanti nel frattempo si sono specializzati e si sono inseriti negli elenchi aggiuntivi di luglio, avranno sicuramente il ruolo senza nemmeno il requisito dei tre anni richiesto invece per i posti comuni. Ma nemmeno tutti gli specialisti delle GPS copriranno le disponibilità per il ruolo sul sostegno. Dove invece si registreranno dei vuoti ancora paurosi è nella secondaria di 1 e 2 grado. Scoperture si registreranno, purtroppo, non solo sul sostegno ma anche sui posti comuni, considerata l’alta percentuale di bocciati avvenuta nel concorso straordinario del 2020 e di fatto l’unica procedura concorsuale rimasta in campo per stabilizzare i precari. E non basteranno nemmeno gli abilitati e gli specializzati, inseriti nella 1 fascia delle GPS, compresi quelli degli elenchi aggiuntivi di luglio, a colmare il divario che resta profondo. Dal 2  al 12 agosto si apriranno le funzioni in istanze on line per il ruolo e le supplenze annuali.  Tutto dovrebbe concludersi entro il 31 agosto. E sui restanti posti rimasti vacanti, dovrebbe partire in autunno un’altra tornata di concorsi straordinari che affiancherà quella dei Concorsi ordinari banditi nel 2020 e non ancora espletati. Saranno in tutto almeno 7 le procedure che si avvieranno questo autunno con l’obiettivo di andare a conclusione entro la fine del nuovo anno scolastico 21/22. Anno scolastico sul quale grava come un macigno l’incognita variante Delta del Covid. Scuole e trasporti i due temi non ancora decisi dal Governo, compresa la vaccinazione di tutto il personale scolastico e degli studenti al di sopra dei 12 anni.     Il ritorno alla DAD è un incubo del quale tutti a parole non vogliono più sentir parlare.  Ma il tempo rimasto  a disposizione è poco, anche sulle vaccinazioni. E il rischio di rivedere il film girato l’anno scorso, purtroppo, è dietro l’angolo.