Didattica a distanza: Considerazioni sulla Nota Ministeriale dell’ispettore Bruschi


di Antonio Giacobbi. Il Ministero dell’Istruzione è intervenuto con due successive note alle scuole (n. 279 dell’8 marzo e n. 388 del 17 marzo) dopo l’emanazione del dpcm dell’8 marzo che ha sospeso l’attività didattica fino al 3 aprile.

Sul linguaggio

Una prima osservazione riguarda il linguaggio. Ci sono altre “note” del Miur entrambe relative all’attività didattica in emergenza coronavirus: una riguarda l’assegnazione di contributi per l’attuazione del Piano Nazionale (n. 4203) per la scuola digitale e l’altra (n. 4739) l’Istruzione degli adulti. Hanno mittenti diversi ma solo le prime due utilizzano un registro diverso di comunicazione a partire dall’incipit: “Carissimi….” per proseguire con ampie parti molto discorsive, che si ritrovano soprattutto nella seconda nota, a firma del capo dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Max Bruschi, molto più lunga e dettagliata che reca in oggetto: Prime indicazioni operative per le attività didattiche a distanza. Non mancano le formule che appartengono al burocratese ministeriale “appare opportuno suggerire…. è opportuno sviluppare…” ma nell’insieme la due note forniscono riferimenti significativi anche dal punto di vista pedagogico.  Da notare ancora la frequenza di termini “non direttivi”. Solo in alcuni passaggi, il Ministero richiama al “dovere”: quando ricorda alle Istituzioni Scolastiche che “devono” informare gli interessati del trattamento dei dati a norma di Regolamento UE, o quando prescrive che il dirigente scolastico “ dovrà” confrontarsi con il direttore del carcere per individuare come continuare l’attività didattica.  Solo su un punto il testo appare opportunamente deciso: laddove dispone che “dovranno essere abbandonati ….il solo invio di materiali o la mera assegnazione di compiti che non siano preceduti da una spiegazione relativa ai contenuti o che non prevedano un intervento successivo di chiarimento o restituzione da parte del docente”.  Nel testo sono invece presenti numerosi termini che richiamano una idea di scuola fondata sulla collaborazione: comunità educante, mantenere viva la comunità di classe, senso di responsabilità, di appartenenza e di disponibilità, coordinamento, insegnare e apprendere insieme, co-progettazione in itinere con i colleghi del consiglio di classe… Fa bene il Ministero a richiamare l’idea di comunità di classe. Ma va sottolineato che nella scuola è “la comunità” delle persone che realizza le condizioni per l’apprendere insieme.

Numerosi sono i riferimenti all’autonomia delle istituzioni scolastiche, anche se la nota non richiama mai esplicitamente il DPR 275/99. Del resto la nota si propone esplicitamente di “fornire

un quadro di riferimento” (per questo sarebbe stato opportuno citare il Regolamento dell’autonomia) cercando di “fare tesoro di quanto le scuole stanno già facendo”.

Decisamente importante l’incipit: attivare modalità di didattica a distanza non è “un adempimento formale”, concetto ribadito subito dopo: “occorre ritornare, al di fuori della logica dell’adempimento e della quantificazione, alle coordinate essenziale dell’azione del sistema scolastico”. Ma non dovrebbe essere sempre cosi? Dirigenti e docenti lamentano da tempo giustamente che il lavoro delle scuole è sempre più gravato da logiche e da obblighi burocratici, a cui si aggiunge una cultura dell’adempimento che, bisogna ammetterlo, è spesso troppo diffusa nelle istituzioni scolastiche.

Si potrebbe pensare (sperare?) che il Ministero abbia compreso finalmente che le scuole sono autonome da vent’anni?

Sulle indicazioni operative

La situazione che si è creata con la chiusura delle scuole, l’impossibilità di movimento e di socializzazione, il blocco ora di ogni attività, ha determinato improvvisamente la necessità per le scuole di rispondere, e di farlo subito, ad una domanda: come mantenere una relazione con gli alunni e tra i docenti che consentisse di stare accanto ragazzi in settimane difficili e di non interrompere l’attività di insegnamento apprendimento? Perché è vero che l’apprendimento avviene in contesti diversi, sempre più ampi e fuori dalla scuola, ma nella scuola la relazione educativa, anzi una “buona” relazione, è condizione fondamentale perché si dia quello che qualcuno ha chiamato “imparamento”. Le scuole e i docenti, quasi tutti in ogni scuola, si sono dati da fare. Non c’è stato il tempo, soprattutto per istituti che non avevano mai fatto uso massiccio di tecnologie, di una riflessione sulla “nuova pedagogia” che si metteva in campo. Ci sarà tempo per farlo, forse già alcune scuole ci stanno pensando e non mancano contributi teorici. Mi diceva una brava collega che lavora in un professionale difficile che, quasi paradossalmente, si sono stabilite nuove relazioni tra i colleghi e, in qualche caso addirittura più forti, con gli studenti. Le nota del Ministero fornisce alcune indicazioni importanti, a partire dall’attenzione a “scongiurare un eccessivo carico cognitivo” (ma non è un criterio di cui si dovrebbe tener conto sempre?), che sono poi brevemente articolate per i diversi ordini di scuola. Se è apprezzabile il richiamo a privilegiare l’attenzione per la “cura educativa” nella scuola dell’infanzia, davvero non si comprende perché la stessa attenzione non debba essere estesa, in forme diverse, a tutte le scuole a partire dalla scuola primaria. Quanto agli istituti tecnici e professionali, è evidente che in questa fase le discipline di indirizzo che non possono prescindere dai laboratori sono trattate da un punto di vista teorico. Sembra però trasparire l’idea di una didattica che si ordinariamente in due tempi, prima la teoria poi la pratica, quando le ricerche e le migliori pratiche didattiche ci insegnano che non sempre è così e che gli studenti apprendono anche quando partono da esperienze concrete. Il testo della nota sul punto poteva essere più chiaro.

Niente dice la nota sugli orari, che certo non possono essere per nessuno quelli della normale attività didattica, né per gli alunni né per i docenti di nessun ordine di scuola. Probabilmente il Ministero ha taciuto ritenendo di affidarne alle scuole o ai singoli docenti la responsabilità. Sarebbe poi errato immaginare dei vincoli orari, come se la didattica a distanza e quella in presenza fossero la stessa cosa. Le varie forme di didattica a distanza che la stessa nota elenca non sono riconducibili allo stesso tempo di lavoro, sia per la preparazione che per la realizzazione. Probabilmente richiedono anche più tempo. La necessità poi di curare in varie forme la relazione con gli studenti, di stare loro vicini, comporta iniziative che non possono certo essere quantificate. IL DPCM dell’8 marzo recita che i dirigenti “attivano modalità di didattica a distanza” abolendo anche l’obbligo di sentire il collegio dei docenti previsto dal DPCM precedente. I dirigenti lo hanno

fatto, spesso consultando in qualche modo i docenti, nella improvvisa situazione di emergenza. Il terreno è delicato perché intreccia norme e soprattutto il contratto di lavoro. Il Ministro avrebbe dovuto aprire subito un tavolo di confronto con le Organizzazioni Sindacali, dimostrando nei fatti che la fase che stiamo vivendo richiede anche sotto il profilo dell’organizzazione del lavoro una diversa e nuova concertazione.

Qualcosa di più il Ministero avrebbe però dovuto dire per quelle aree del paese e per quegli studenti che non sono raggiungibili dalla DaD o non ne possono fruire per molte ragioni e che rappresentano la fascia più debole e più esposta che la stessa ministra ha quantificato in oltre 1.600.000 studenti non solo nelle località meno fornite di servizi. Perché questo è un problema vero: come non lasciare indietro nessuno. Hanno fatto bene le Organizzazioni Sindacali a rilevarlo.

 

Sulla valutazione

E’ un tema sul quale la scuole si stanno confrontando e il Ministero sta valutando come procedere, soprattutto per quanto concerne gli esami di Stato conclusivi del primo e del secondo ciclo. Nel frattempo le nota fornisce alcune indicazioni utili che in realtà i docenti dovrebbero tenere presenti sempre, anche fuori dalla fase di emergenza. Riportiamo solo un passo che ci sembra centrale: “Se l’alunno non è subito informato che ha sbagliato, cosa ha sbagliato e perché ha sbagliato, la valutazione si trasforma in un rito sanzionatorio, che nulla ha a che fare con la didattica, qualsiasi sia la forma nella quale è esercitata. Ma la valutazione ha sempre anche un ruolo di valorizzazione, di indicazione di procedere con approfondimenti, con recuperi, consolidamenti, ricerche, in una ottica di personalizzazione che responsabilizza gli allievi, a maggior ragione in una situazione come questa.” Poteva dire di più, certamente. Il richiamo alla valutazione formativa doveva essere forte e non c’è. Probabilmente le scuole si aspettavano indicazioni più concrete: come posso valutare quando non sono sempre in grado di raggiungere tutti i ragazzi né di controllare in quale condizioni hanno svolto la consegna? E la valutazione non dovrebbe, per essere efficace, farsi contestualmente al lavoro dei ragazzi? Il tema che la nota mette in evidenza è che non serve il “voto”. La valutazione, questo ricorda il Ministero, è un’altra cosa: “verifica dell’attività svolta, restituzione, chiarimento…”. Ed è autovalutazione che “responsabilizza gli allievi”. Nella precedente nota (n. 279 in data 8 marzo), ricordava opportunamente che “la normativa vigente (Dpr 122/2009, D.lgs 62/2017), al di là dei momenti formalizzati relativi agli scrutini e agli esami di Stato, lascia la dimensione docimologica ai docenti, senza istruire particolari protocolli che sono più fonte di tradizione che normativa”. Insomma, durante l’anno non è obbligatorio dare i voti. Fa bene il Ministero a ricordarlo. Alcune scuole, pochissime, ci stanno provando in questi anni.  In queste settimane di didattica a distanza durante la quale, come conferma la nota del Ministero, si potrebbero non utilizzare i voti numerici, i docenti che sarebbero disponibili a farlo si stanno però interrogando su come procedere per la valutazione di fine anno. Perché la norma (DPR122/2009 e D.Lgs 62/2017) in sede di scrutinio finale prevede il voto numerico e a questo scopo alcuni dirigenti li stanno chiedendo anche in queste settimane. Il Forum Veneto delle Associazioni Professionali della Scuola, in un suo documento inviato alle Commissioni Parlamentari nel 2017, aveva già manifestato l’inopportunità di normare la valutazione con uno strumento avente valore di legge, perché troppo rigido nel caso lo si volesse poi modificare.  Cosa si farà a giugno in sede di scrutini dovrà essere deciso dai collegi dei docenti, che ne hanno la competenza, e che dovranno tener conto della crisi che ha comportato una prolungata chiusura delle scuole. Sarebbe necessario però che il Ministero fornisse indicazioni per tempo proprio perché i collegi devono tener conto della norma. Non può da un lato, per ben due volte in modo esplicito (note 279 e 388), sottolineare che è possibile non utilizzare il voto durante il periodo delle lezioni, considerata anche la situazione eccezionale, e poi lasciare le scuole prive di indicazioni per lo scrutinio finale. La

ministra ha detto in Senato di essere contraria al “6 politico”: nessuno lo ha chiesto. Si potrebbe però riflettere su un percorso che preveda di evitare la valutazione sommativa di fine anno e spalmare il curricolo oltre questo anno scolastico in modo da consentire a tutti, e soprattutto a chi ha potuto fruire poco o per niente della didattica a distanza, di recuperare il tempo perso, anche garantendo organici adeguati. In un suo bel documento il Movimento di Cooperazione Educativa lancia al Ministero l’idea di “riproporre per la valutazione di fine anno un modello di scheda di valutazione senza voti, anche per la scuola secondaria di secondo grado”. Una proposta interessante che incontra delle difficoltà (docenti non preparati a questa valutazione, un tempo troppo breve e soprattutto norme di legge da cambiare…) ma vale la pena di pensarci. Se c’è la volontà politica, la ministra ascolti le Associazioni Professionali e sarà possibile individuare delle indicazioni. Ma faccia presto. La valutazione, che non è “dare il voto”, una buona valutazione, è troppo importante.

 

Le Organizzazioni Sindacali

Hanno reagito duramente. Con documenti diversi sia i Cobas che i sindacati scuola CGIL, CISL, UIL, SNALS e GILDA hanno chiesto il ritiro della circolare. La nota non è stata e non sarà ritirata, evidentemente. Ma se tu Sindacato chiedi che il Ministero lo faccia e poi non lo fa, delle due l’una: o hai deciso di fare solo un po’ di propaganda, e non è serio soprattutto per un sindacato confederale, o ti sei dato la zappa sui piedi e segnali che su questo sei irrilevante. La motivazione principale delle OO.SS. è che la nota contiene “modalità di organizzazione del lavoro che sono oggetto di relazioni sindacali”. E’ vero che lo sono, ma non è questo che fa il Ministero, limitandosi a fornire indicazioni, suggerimenti, proposte, “un quadro di riferimento”. E non lo potrebbe fare, perché violerebbe non solo i contratti ma anche l’autonomia delle scuole e le competenze dei collegi dei docenti. E davvero non mi sembra che la nota individui la didattica a distanza come “riproduzione in remoto delle attività ordinarie”. Perché allora questa lettura da parte delle OO.SS.? Non so dire. Non mi è però sembrato un messaggio in grado di cogliere, accanto ai limiti, alcuni passaggi significativi delle nota e nello stesso tempo capace di motivare i docenti, molti, moltissimi, che con fatica si stanno organizzando, anche per prove ed errori, dovendo in molti casi provare ad utilizzare strumenti nuovi e poco conosciuti.

Il Ministero avrebbe dovuto – ripeto – dovuto almeno sentire le OO.SS. (e, perché no, le Associazioni Professionali) prima di emanare la nota, anche per evitare soprattutto in questa fase ulteriori tensioni nei rapporti con i docenti, lavoratori professionisti della scuola.  Ma penso che abbiano fatto un errore le OO.SS. ad andare oltre una critica che poteva invece essere più articolata.